AlÓ dei Sardi

AlÓ dei sardi Ŕ un paese del Montacuto. Amministrativamente fa parte della provincia Olbia-Tempio. Ha poco meno di 2000 abitanti (alaesi) e si estende sull'altopiano omonimo, a 665 metri s.l.m. Il territorio alaese Ŕ stato densamente abitato fin dall'antichitÓ, e rappresentava il centro di quel territorio dominio incontrastato dei pi¨ aggressivi e feroci oppositori alla dominazione romana nell'isola, i BÓlares, i quali - assieme agli Iliesi e agli eroi della mitologia sarda Ampsicora e Josto - riuscirono per parecchi decenni a contrastare l'avanzata degli antichi Romani nell'entroterra sardo. Si trovano in zone strategiche resti di villaggi nuragici collegati visivamente l'uno con l'altro, a Sos Nurattolos, a S'orijale, a Kidade, a Sos Sonorcolos, a Bodd˛, a Lathari, a Su Pedrighinosu (anticamente chiamato Balare), a Intr'e Serra, a Malacarrucca, a Dolifichima e cosý via.

Welcome to AlÓ dei Sardi

S'ELIGA ALCADA

bus20_prod_off.gif bus20_comp_off.gif bus20_cont_off.gif bus20_home_off.gif dinamico_blu_deserto001005.jpg
Dovunque nel territorio si possono trovare nuraghi, pozzi sacri, tombe dei giganti, dolmen, alcuni unici nel loro genere. Il paese moderno Ŕ nato attorno al 1600, grazie all'aggregarsi dei numerosi pastori sparsi nei "cuiles" circostanti attorno alla chiesa di Santa Maria, costruita appunto nel 1619. Nel 1823 passa ad AlÓ il conte Alberto La Marmora diretto a Nuoro, e con sŔ ha l'ordine del re d'Italia di avere in consegna cavalli freschi per proseguire verso la Barbagia. Il sindaco di AlÓ rifiut˛ di consegnare i cavalli e dichiar˛ per contro che avrebbe protestato formalmente presso il governo di Madrid, credendo di essere ancora sotto la dominazione spagnola, finita invece pi¨ di un secolo e mezzo prima. Accanto ai settori tradizionali della pastorizia e dell' agricoltura si sono sviluppati oggi comparti artigiani legati alla lavorazione della pietra da campo per usi edili, alla lavorazione del sughero alaese che Ŕ tra i migliori al mondo per qualitÓ, all'edilizia residenziale. In quest'ultimo settore gli operatori alaesi sono gli eredi della vecchia scuola edile di AlÓ, che giÓ nel '700 veniva apprezzata in Gallura, nelle valli di OlevÓ e in tutto il Montacuto. Nonostante questa repentina modernizzazione, il paese ha saputo conservare le proprie peculiaritÓ e le tradizioni secolari. A partire dalla lingua: il logudorese di AlÓ Ŕ ancora ben vivo e parlato da tutti gli strati della societÓ, al contrario di ci˛ che accade un po' in tutti i paesi sardi.